24 Aprile 2017: COMUNICATO STAMPA- POLITECNICA

26 aprile 2017

Politecnica:
per la prima business school e innovation centre in Etiopia un nuovo progetto internazionale “the place for ideas” per la società italiana leader nella progettazione integrata .
La Società lancia anche un nuovo brand “building for humans - costruire per l’uomo”.
Un nuovo modo di raccontare i progetti dando voce alle sue persone su www.politecnica.it.

Modena, 19 Aprile 2017 – Politecnica, fra le maggiori società di progettazione integrata a capitale italiano - architettura, ingegneria e urbanistica – firma il nuovo progetto internazionale per la realizzazione della sede della Ethio european business school e Business innovation centre ad Addis Abeba, in Etiopia.
Il progetto rientra nel programma di investimento e sviluppo economico Growth and Transformation Plan (GTP) pianificato dal Governo Etiope e dall’Unione Europea.
Con una superficie complessiva di 15.000 m2, per un investimento totale stimato da parte dell’Università di Addis Abeba, di circa 15 milioni di euro, il progetto, che ricade in un’area interna al comparto universitario posto a nord-est della città di Addis Abeba, prevede la realizzazione di un unico grande edificio che ospita al suo interno spazi per attività didattiche, sale conferenze, meeting rooms, un grande learning centre, spazi comuni per le attività delle due facoltà e uffici dipartimentali.
Il progetto denominato – the place for ideas – è stato sviluppato ricercando nella geometria compositiva la massima integrazione con il contesto morfologico e naturale del sito, nel totale rispetto della vegetazione esistente. Le grandi terrazze e le coperture verdi creano un dialogo e forniscono continuità tra gli spazi interni dell’edifico e la natura circonstante. Gli aggetti e l’orientamento garantiscono un’ottimale gestione dell’irraggiamento solare al fine di minimizzare la necessità di climatizzazione. L’intera struttura, infatti, non necessita di condizionamento e l’articolazione degli spazi interni favorisce la massima efficienza e circolazione naturale dell’aria.
Il complesso, landmark riconoscibile simbolo dello sviluppo del territorio, è stato concepito con un volume unico articolato su tre e cinque livelli, connessi tra loro attraverso un triplo volume centrale.
Internamente l’edificio è caratterizzato da un grande spazio centrale aperto su tre livelli che funge da collegamento verticale grazie alla scala e al sistema di ballatoi che si incrociano ai diversi piani. Il grande volume è un luogo dinamico e rappresenta il contesto ideale per le attività di apprendimento innovative, punto di partenza delle università del futuro. Grandi spazi dedicati agli hub, distribuiti in continuità lungo i ballatoi, rappresentano luoghi adatti ad accrescere l’apprendimento e la condivisione delle conoscenze, utili allo sviluppo dei rapporti tra gli studenti universitari e le imprese che saranno coinvolte nei programmi. 

CREDITI
Località Addis Abeba
Paese Etiopia
Cliente Ministero Etiope dello Sviluppo Economico, Università di Addis Abeba
Team Politecnica Ingegneria e Architettura
Incarico progettazione preliminare, progettazione definitiva, progettazione esecutiva, direzione lavori
Data Progetto 2017 Realizzazione: prossima
Area progetto 15.000 m2 
Superficie d’intervento coperta 4.500 m2


L’incarico, sfidante anche sotto il profilo della tempistica, è omnicomprensivo: parte dalla pura ideazione dell’architettura sino al progetto esecutivo multidisciplinare, inclusa la redazione dei documenti di gara ed assistenza nelle fasi di aggiudicazione lavori,  in soli 7 mesi, e supervisione dei lavori nei successivi 24. Proprio per raggiungere tali ambiziosi obiettivi Politecnica ha impegnato esclusivamente un team multidisciplinare internazionale di specialisti che progettano l’edificio integralmente in BIM (Building Information Modeling).
Francesca Federzoni, Presidente di Politecnica ha dichiarato: «La realizzazione della European Business School e Business Innovation Centre è un progetto europeo il cui scopo è creare le condizioni per promuovere l’industrializzazione e lo sviluppo dell’Etiopia. Politecnica ha progettato una struttura iconica capace di stimolare, in un ambiente innovativo, la formazione dei futuri managers etiopici. Crediamo che il progetto non debba tener conto solo delle esigenze formative accademiche ma anche favorire la nascita di un luogo in cui le piccole e medie imprese locali possano trovare le migliori condizioni per il loro sviluppo, l’espansione e una maggiore competitività».

Politecnica ha una particolare esperienza nelle opere civili ed infrastrutturali realizzate in numerosi Paesi in via di sviluppo nell’ambito di progetti finanziati da International Financial Institutions quali di recente la progettazione di un nuovo tratto stradale di 33 chilometri in Sierra Leone e il One Airport Square all’interno dell’area di sviluppo dell’aeroporto internazionale di Accra, Ghana. 
Il track record di oltre 40 anni è testimoniato da progetti di successo in ogni settore, pubblico e privato, nella scuola e nella sanità, nell’industria, nei servizi, nelle infrastrutture. 
La Società lancia un nuovo brand
“building for humans - costruire per l’uomo”
Il track record progettuale e le ultime sfide sono raccontate nel nuovo sito web www.politecnica.it da oggi online. Politecnica presenta infatti un nuovo modo di raccontare i progetti, non solo come tecnica ma come «progetti per l’uomo».
I soci di Politecnica raccontano attraverso video interviste le sfide progettuali in Italia e all’estero, gli interventi a servizio delle comunità, le opere di interesse collettivo, l’innovazione delle scelte tecniche per la sostenibilità ambientale, le infrastrutture di trasporto dalla realizzazione di una strada in Sierra Leone, non solo un’opera di ingegneria ma un’opera per connettere villaggi e comunità; alla nascita del Museo della casa natale di Enzo Ferrari a Modena che restituisce alla città e ai suoi cittadini un pezzo di storia del marchio di auto più famoso al mondo.
Il nuovo brand “B U I L D I N G  F O R  H U M A N S” esprime i valori di Politecnica, un nuovo umanesimo, la visione d’insieme di un progetto a servizio dell’uomo e la funzione d’uso dell’opera per chi la utilizzerà, le persone, i cittadini, le comunità.
Beatrice Gentili, Direttore commerciale di Politecnica ha dichiarato: «Oggi Politecnica racconta a suoi stakeholder le storie dei progettisti attraverso un nuovo approccio narrativo e un nuovo brand che rappresenta le principali caratteristiche della Società. Il lavoro di squadra, cioè la capacità di mettere insieme le diverse specializzazioni - architettura, ingegneria, urbanistica - in una visione d’insieme a servizio del progetto e della sua realizzazione. Il valore d’insieme del progetto umanistico a servizio dell’uomo, del cliente in primis e la funzione d’uso dell’opera per i cittadini a cui la realizzazione è dedicata. 
La comunità umana, al centro dei nostri valori, insieme alla solidarietà e alla condivisione, sia all’interno di Politecnica attraverso la collaborazione intergenerazionale e multidisciplinare, che all’esterno con progetti sostenibili e funzionali a un nuovo umanesimo».

PIATTAFORMA WEB 
Struttura snella e flessibile, grafica pulita che mette al centro e valorizza il racconto del progetto, con approccio "mobile first": il dispositivo mobile e la modalità di fruizione dei contenuti nel mondo contemporaneo e futuro, vengono prima di tutto. 
Si enfatizza quindi l'importanza dell'usabilità su diversi supporti e l'accesso veloce alle informazioni. La strategia adotta una struttura, con particolare attenzione grafica per la leggibilità dei font e la visione delle immagini in modo accessibile e veloce.
Il look & feel è reso ulteriormente accattivante da testi che accompagnano le immagini dei progetti di grande formato. Il progetto e la realizzazione è a cura di Parco di Yellowstone.
Politecnica è una delle maggiori società italiane di progettazione integrata - architettura, ingegneria e urbanistica. Indipendente, fa capo a 40 soci, ingegneri ed architetti, che hanno firmato lavori in oltre 50 Paesi al mondo con un fatturato annuo di circa 15 milioni di euro. 
5 sono le sedi in Italia a Modena, Milano, Bologna, Firenze, Catania e 11 i Paesi di presenza all’estero (Armenia, Belize, Costa d’Avorio, Ghana, , Malta, Palestina, Repubblica democratica del Congo, Sierra Leone, Turchia, Etiopia, Kenya).
Politecnica sviluppa progetti in ogni campo, pubblico e privato, nella scuola e nella sanità, nell’industria, nei servizi, nelle infrastrutture e – con la divisione internazionale – ha realizzato opere civili ed infrastrutturali in numerosi Paesi in via di sviluppo nell’ambito di Progetti finanziati da Donors Internazionali (International Financial Institutions).

Progettazione integrata  
L’integrazione tra competenze diverse – dall’impiantistica all’urbanistica, dal progetto strutturale a quello architettonico – grazie al lavoro in team e alla complementarietà di professionalità con circa 200 persone tra progettisti, pianificatori, ingegneri, consulenti e tecnici specializzati. 

Project management
La capacità gestionale nello sviluppo del progetto, di seguirne complessità e realizzazione secondo le esigenze del committente, garantendo un’efficienza complessiva di tempi e risorse.
Con un’area di specializzazione nella progettazione partecipata e condivisa nella realizzazione di opere di interesse collettivo (scuole, ospedali, infrastrutture) che coinvolge le istituzioni, le amministrazioni locali, le comunità sin dalle fasi preliminari di un intervento con l’obiettivo di riunire gli intenti e creare benefici condivisi per tutto territorio e per chi utilizzerà i servizi. 

Settori
Tra gli ambiti di maggiore specializzazione c’è il settore della sanità dove la progettazione partecipata e condivisa coinvolge le istituzioni, le amministrazioni locali, le comunità sin dalle fasi preliminari con l’obiettivo di creare benefici per tutto territorio e per chi utilizzerà i servizi. Politecnica è la società che negli ultimi anni ha realizzato il maggior numero di interventi di progettazione di edilizia in ambito sanitario con il Complesso Ospedaliero Universitario di Sassari, il Complesso Ospedaliero di Pordenone, il Nuovo Ospedale di La Spezia, i Nuovi Istituti Clinici di Catania.

Nel settore industriale la Società ha un’esperienza consolidata nella realizzazione di nuovi stabilimenti e interventi di ristrutturazione, riconversione e recupero strutturale con soluzioni progettuali innovative che ottimizzano l’investimento iniziale e i costi di gestione. Politecnica ha progettato interventi per conto di alcune tra le maggiori imprese multinazionali estere che hanno investito in Italia grazie alla capacità di coniugare un team internazionale altamente specializzato con la conoscenza approfondita del territorio e delle normative che regolamentano il settore edilizio, sia nazionali che locali. Soggetti privati e investitori che intendono realizzare un progetto, in tutti i principali ambiti, industriale, commerciale e terziario possono contare su un affiancamento multidisciplinare dall’indipendent audit, due diligence, ottimizzazione costi (value engeneering) alla progettazione, gestione dell’iter amministrativo, direzione e sorveglianza lavori. 

Il restauro e la valorizzazione del patrimonio storico e architettonico è uno dei settori in cui Politecnica gode di un particolare riconoscimento avendo recuperato di recente il Complesso San Geminiano e il Complesso San Paolo, situati in pieno centro storico a Modena. Politecnica ha inoltre una specializzazione in opere di messa in sicurezza, riparazione, adeguamento e consolidamento strutturale di edifici storici danneggiati da eventi sismici. Tra i diversi interventi eseguiti, nell’immediato post sisma del maggio 2012 in Emilia Romagna, il Palazzo Sartoretti a Reggiolo, il Duomo e le torri del Castello di Finale Emilia, l'ex convento di San Francesco a Mirandola, il Palazzo del Governatore di Cento.

www.politecnica.it 

***
Contatti con la stampa:
Weber Shandwick | Advisory - 02.0064111
Giorgio Catalano – Benedetta Mazza – Chiara Ottolini